Home » articoli » diario festival » Lost in Bifest – Viaggio fra le pellicole internazionali – giorno 3 – 25 aprile 2017

Lost in Bifest – Viaggio fra le pellicole internazionali – giorno 3 – 25 aprile 2017

diario festivalFestival

Lost in Bifest – Viaggio fra le pellicole internazionali –

giorno 3 – 25 aprile 2017

Lost in Bifest - Viaggio fra le pellicole internazionali giorno 3 - 25 aprile 2Ed eccoci giunti al giro di boa: dopo la giornata di ieri, ci restano solo tre film prima della votazione della giuria.

Ieri mattina l’appuntamento per la proiezione delle pellicole internazionali è stato al cinema Galleria, ma questa volta le scatolette si sono divise: Andrea, da giurato, si è goduto l’anteprima internazionale di An Ordinary Man, ma Angela, per non essere da meno, si è fatta coccolare niente meno che da Vittorio Gassman nell’esilarante commedia Lo Scatenato.

La pellicola An Ordinary Man, diretta da Brad Silberling, narra le vicende del generale dell’Armata Popolare di Jugoslavia nell’ultimo periodo della sua lunga latitanza. È  palese il riferimento a Ratko Mladić, generale serbo condannato dal tribunale dell’Aja per aver commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità, in particolare il massacro di Srebrenica, noto alla cronaca per le migliaia di mussulmani bosniaci uccisi dalle truppe serbo-croate da lui guidate. Nel film spicca la magistrale interpretazione di Ben Kingsley, che già ci ha abituati alla sua recitazione camaleontica, capace di dar lustro anche a figure non perfettamente riuscite come il Mandarino in Iron Man 3. Questa volta Kingsley indossa i panni di uno scomodo personaggio storico, che  vive i suoi ultimi giorni di libertà con la giovane ragazza Tanja, sua domestica. Egli riesce a dare al suo personaggio sfumature di personalità che spaziano da un’acuta ironia alla retorica patriottica con cui tenta di giustificare gli atroci delitti commessi, fino ad assumere le vesti di una figura a tratti paterna, portando così alla luce anche il lato umano del generale, attraverso la cosa più cara che un uomo possegga: la famiglia.

Nel pomeriggio siamo tornati in quella che è diventata ormai la nostra seconda casa, il teatro Petruzzelli.

Lost in Bifest - Viaggio fra le pellicole internazionali giorno 3 - 25 aprile 3Primo film del pomeriggio è stato En Amont du Fleuve, della regista belga Marian Hänsel. Due cinquantenni, Joé e Homer, completamente estranei l’uno all’altro, scoprono di essere figli dello stesso padre poco dopo la morte di quest’ultimo. Decidono così di fare un piccolo viaggio in barca per raggiungere il luogo in cui era stato ritrovato il corpo senza vita del padre. Durante la traversata, i due iniziano a tessere la tela del loro legame, che diviene via via sempre più autentico e sincero. La pellicola procede piuttosto lentamente e i pochi dialoghi lasciano spesso il posto ai suoni della natura, vera protagonista della pellicola: a catturare l’attenzione dello spettatore, infatti, è soprattutto la fotografia che immortala la straordinaria bellezza dei paesaggi della Croazia, location delle riprese.

Lost in Bifest - Viaggio fra le pellicole internazionali - giorno 3 - 25 aprile 4La seconda pellicola è stata Die Nacht der 1000 Stunden, del regista austriaco Virgil Widrich. Le vicende sono ambientate nella Vienna dei giorni nostri, in cui gli ultimi componenti della famiglia Ullich si riuniscono nel loro palazzo per affrontare questioni ereditarie. Improvvisamente, Erika, proprietaria dei beni di famiglia, muore poco prima di siglare l’atto di cessione dell’eredità al giovane nipote Philip. Tuttavia, lo sfarfallio delle luci delle stanze e il rintocco degli orologi sembrano, come per magia, riportare in vita tutti gli antenati della famiglia. Attraverso una serie di intrighi ed equivoci, si getta luce sulle fosche vicende degli Ullich. Il film spicca per la sua brillante originalità, arricchita da preziose scelte stilistiche: l’opera appare come un’autentica fiera dell’assurdo, in cui passato e presente, vita e morte si fondono tra loro in una dimensione quasi onirica. Affascinante, poi, il gioco degli specchi che, riflettendosi l’uno nell’altro, segnano il labile confine tra i due mondi. Infine, come non cogliere, in alcune scene, le velate allusioni ai romanzi di Agatha Christie e i riferimenti alla celebre opera di Alejandro Amenábar, The Others, e alle surreali pellicole di Buñuel, tutto condito con una spruzzata di ironia. Che siano solo suggestioni?

Giornata particolarmente stimolante quella di ieri, che ci ha permesso di spaziare attraverso diversi generi e paesaggi. A domani per un’altra tappa del nostro viaggio!

Stay tuned!
Angela Molinaro e Andrea Marella

 

SCHEDA DEL PRIMO FILM

Regia: Brad Silberling

Sceneggiatura: Brad Silberling

Attori: Ben Kingsley, Hera Hilmar, Peter Serafinowicz

Produzione: Regno Unito

Anno: 2016

 

SCHEDA DEL SECONDO FILM

Regia: Marion Hänsel

Sceneggiatura: Hubert Mingarelli

Attori: Olivier Gourmet, Sergi López, John Lynch

Produzione: Belgio

Anno: 2016

 

SCHEDA DEL TERZO FILM

Regia: Virgil Widrich

Sceneggiatura: Virgil Widrich

Attori: Laurence Rupp, Amira Casar, Barbara Petritsch, Elisabeth Rath, Linde Prelog, Johann Adam Oest, Lukas Miko

Produzione: Austria

Anno: 2016

 

PLAYLIST DEI TRAILER DEL PANORMA INTERNAZIONALE

Giorno 2

Giorno 4

Post simili