Home » articoli » diario festival » Lost in Bifest – Viaggio fra le pellicole internazionali – giorno 2 – 24 aprile 2017

Lost in Bifest – Viaggio fra le pellicole internazionali – giorno 2 – 24 aprile 2017

diario festivalFestival

Lost in Bifest – Viaggio fra le pellicole internazionali –

giorno 2 – 24 aprile 2017

Lost in Bifest - Viaggio fra le pellicole internazionali - giorno 2 - 24 aprile 2017Benvenuti a questa seconda puntata del nostro diario! Anche oggi siamo qui a raccontarvi una nuova tappa del nostro viaggio da scatolette inviate speciali.

Protagoniste indiscusse della seconda giornata della sezione Panorama Internazionale del Bif&st sono state le donne, al centro di entrambe le pellicole di ieri, Their Finest Hour and a Half Unless.

Nella prima pellicola, realizzata dal regista Lone Scherfig, siamo stati proiettati nella Londra del 1940, bersagliata dai bombardamenti aerei tedeschi. Catrin Cole, interpretata dall’affascinante Gemma Arterton, viene assunta dal Ministro dell’Informazione britannico per prendere parte, come sceneggiatrice, alla realizzazione di un film di propaganda: obiettivo del governo è infondere ottimismo e speranza nel popolo inglese, vessato dalle atrocità della guerra. Scena dopo scena, si delinea il ritratto di una donna sui generis, tenace ed emancipata, che non si lascia frenare da un ambiente lavorativo ancorato ad una mentalità fortemente maschilista. La sceneggiatura forse manca un po’ di originalità per la storia d’amore narrata, in cui Catrin rappresenta il vertice di un triangolo amoroso dal sapore Lost in Bifest giorno 2dolceamaro. Tuttavia, il film si distingue per un’interessante riflessione “metacinematografica”: coprotagonista della pellicola, infatti, è il cinema stesso che, quasi in prima persona, racconta di sé, svelando agli spettatori i retroscena e mostrando loro il sottile confine tra finzione e realtà.

Per parlarvi del secondo film di questa giornata, dobbiamo rimboccarci le maniche, dal momento che ci ha procurato non pochi grattacapi. Si tratta di Unless, opera del regista irlandese Alan Gilsenan. Nella breve intervista che ha preceduto la proiezione, il regista ha raccontato che il film è la trasposizione dell’omonimo romanzo della scrittrice premio Pulitzer Carol Shields. Gilsenan, inoltre, ha sottolineato le difficoltà incontrate nell’adattare al grande schermo una storia così intima e letteraria. La vicenda è ambientata in una gelida Toronto e vede come protagonista la scrittrice e traduttrice Reta Winters. Lei e la sua famiglia conducono un’ordinaria vita borghese, la cui serenità viene sconvolta quando inaspettatamente trovano la figlia maggiore, Norah, seduta su un marciapiede a mendicare tenendo tra le mani un cartone recante una sola parola:  goodness (bontà). La ragazza sceglie ostinatamente la via del silenzio, lasciando precipitare la sua famiglia in un dramma enigmatico, dominato da un forte senso di impotenza. Il film abbozza molti spunti di riflessione che, tuttavia, sembrano non avere un’evoluzione – difficile dire se questo sia voluto o meno dal regista.

Che dire, la giornata di oggi, più che fazzolettini, ci ha regalato tanti punti interrogativi, su cui stiamo ancora discutendo.

… to be continued. Stay tuned!

Angela Molinaro e Andrea Marella

SCHEDA DEL PRIMO FILM

Regia: Lone Scherfig

Sceneggiatura: Gaby Chiappe

Attori: Gemma Arterton, Sam Claflin, Billy Nighy

Produzione: Regno Unito

Anno: 2016

SCHEDA DEL SECONDO FILM

Regia: Alan Gilsenan

Sceneggiatura: Alan Gilsenan

Attori: Catherine Keener, Matteo Craven, Anna Gross, Chloe Rose, Abigail Winter

Produzione: Canada, Irlanda

Anno: 2016

PLAYLIST DEI TRAILER DEL PANORMA INTERNAZIONALE

Giorno 1

Giorno 3

Post simili