Home » articoli » diario festival » Lost in Bifest 2.0 – Viaggio tra le Opere prime e seconde – giorno 2 (22 aprile)

Lost in Bifest 2.0 – Viaggio tra le Opere prime e seconde – giorno 2 (22 aprile)

diario festivalFestival

Il secondo giorno di proiezioni delle Opere Prime e Seconde del Bifest si è aperto in mattinata con la pellicola italo-francese Hannah, riservato alla giuria della sezione. Si tratta del secondo film di Andrea Pallaoro, che si era già distinto nel 2003 con il suo film d’esordio, Medeas.

Locandina Hannah Lost in Bifest giorno 2Tutta la trama è totalmente focalizzata su Hannah, una donna sulla settantina la cui vita viene turbata quando il marito è condotto in carcere. Le ragioni dell’arresto non vengono mai chiarite e molti quesiti rimangono volutamente aperti, quasi a costringere lo spettatore a rivolgere la propria attenzione altrove, piuttosto che a ricercare ad ogni costo una spiegazione e un filo narrativo da seguire. Infatti Andrea Pallaoro opera un vero e proprio smantellamento dei tradizionali moduli narrativi, riducendo all’essenziale i dettagli del racconto ed eliminando quasi del tutto i dialoghi. Al centro dello sguardo – e delle inquadrature – vi è solo il ritratto di Hannah, interpretata da una straordinaria Charlotte Rampling, che con una gestualità teatrale dona al suo personaggio un’espressività elegante e magnetica. Bellissima infine la fotografia, caratterizzata da un continuo gioco di riprese allo specchio, oltre che da inquadrature inusuali e raffinate.

Il Contagio Locandina Lost in Bifest 2.0 Giorno 2Le proiezioni serali hanno avuto inizio con Il Contagio, secondo lungometraggio dei registi Matteo Botrugno e Daniele Coluccini, ancora insieme dopo il loro film d’esordio Et in terra pax. Il film, basato sull’omonimo romanzo di Walter Siti, conduce lo spettatore fra le vie dei borghi popolari di Roma, esaltando i profondi contrasti legati al rapporto tra criminalità, corruzione e tentativi di redenzione. Un film a doppi binari sui sentimenti e sui destini, che vede come protagonista una Roma a tratti molto diversa da quella pasoliniana. Marcello, culturista cocainomane, è sposato con Chiara, ma si prostituisce con lo scrittore Walter, voce narrante e vero regista delle storie. Alle loro vite, si intreccia quella di Mauro, ambizioso faccendiere del boss di quartiere Carmine, che spaccia droga e baratta la sua anima per elevare il suo status sociale. Gli avvenimenti precipitano in un turbinio di violenza e droga, annullando l’antica bipolarità tra buoni e cattivi. Tra gli interpreti è doveroso menzionare Vinicio Marchioni nei panni di Marcello, Maurizio Tesei (Mauro) e un inedito Vincenzo Salemme che interpreta la figura di Walter.

Tito e gli alieni locandina Lost in Bifest 2.0 Giorno 2Ultimo film in gara della serata è stato Tito e gli Alieni di Paola Randi, già conosciuta al mondo cinematografico per il suo Into Paradiso del 2010. Già presentato al Torino Film Festival, l’opera seconda della regista uscirà nelle sale nel mese di giugno. La Randi ha introdotto la proiezione del film, spiegandone l’origine autobiografica: un pomeriggio, rientrando a casa, la regista vide suo padre, malato di Alzheimer, intento ad osservare la foto di sua moglie, venuta a mancare anni prima, per timore che il ricordo di lei svanisse dalla sua memoria. Questo aneddoto ha generato l’immagine di partenza del film: un uomo seduto su un divano nel deserto che, con l’ausilio di una parabola, cerca di captare dallo spazio profondo la voce della moglie scomparsa. Quest’uomo è lo scienziato napoletano, detto “il professore”, che, trasferitosi presso l’Area 51 in Nevada (USA), in seguito alla morte del fratello accoglie i suoi due nipoti, Anita e il piccolo Tito. I tre protagonisti tentano così di ristabilire il contatto con i loro cari, convinti che essi vivano tra le stesse e che possano inviare messaggi sulla terra. Tra poesia e fantascienza, è un film emozionante e tenero, che tratta un tema di grande spessore con estrema delicatezza e discrezione, ma al tempo stesso con una rispettosa leggerezza e una trama mai banale, che a scene di travolgente ironia alterna momenti di profonda commozione. Meravigliosa l’interpretazione dei due ragazzini, Chiara Stella Riccio (Anita) e Luca Esposito (Tito), e l’eccezionale bravura di Valerio Mastandrea (il professore), impegnato in un ruolo molto più intimo dei suoi personaggi consueti.

 

Angela Francesca Molinaro e Andrea Marella

 

GIORNO UNO – GIORNO TRE – GIORNO QUATTRO – GIORNO CINQUE


SCHEDA TECNICA:

TITOLO: Hannah

REGISTA: Andrea Pallaoro

SCENEGGIATORE: Andrea Pallaoro, Orlando Tirado

INTERPRETI PRINCIPALI: Charlotte Rampling, André Wilms, Stéphanie Van Vyve

PRODUZIONE: Andrea Stucovitz, John Engel, Clément Duboin

PAESE DI PRODUZIONE: Italia, Belgio, Francia

ANNO: 2017

 

TITOLO: Il Contagio

REGISTI: Matteo Botrugno, Daniele Coluccini

SCENEGGIATORI: Matteo Botrugno, Daniele Coluccini

INTERPRETI PRINCIPALI: Vinicio Marchioni, Anna Foglietta, Maurizio Tesei, Giulia Bevilacqua, Vincenzo Salemme

PRODUZIONE: Kimerafilm, Notorius Pictures, Gekon Productions, Rai Cinema, con il contributo del MiBACT

PAESE DI PRODUZIONE: Italia

ANNO: 2017

 

TITOLO: Tito e gli Alieni

REGISTA: Paola Randi

SCENEGGIATORE: Paola Randi

INTERPRETI PRINCIPALI: Valerio Mastandrea, Clémence Poésy, Luca Esposito, Chiara Stella Riccio, Miguel Herrera, John Keogh

PRODUZIONE: BiBi Film Tv, Rai Cinema, con il contributo del MiBACT

PAESE DI PRODUZIONE: Italia

ANNO: 2017

 

Angela Molinaro

Cresciuta a libri, musica e cinema, da bambina, mentre le sue coetanee sognavano il principe azzurro, lei si immaginava in giro per il mondo a scoprire città perdute, templi antichi e oggetti preziosi. Sognava una vita come quella di Indiana Jones, ma al momento la sua assomiglia di più a quella di Bridget Jones: il cognome è lo stesso, ma qualcosa deve essere andato storto. Con gli anni poi ha capito che la filologia era la sua vera vocazione, gettando nel panico parenti e amici che hanno ormai rinunciato a capire precisamente di cosa si occupa. Trascorre le sue giornate a studiare papiri e a tradurre il greco e il latino, ma appena può, lascia tutto, mette uno zaino in spalla e se ne va in giro ad ascoltare concerti o a scoprire posti nuovi.

Post simili