Home » articoli » recensioni » The Final Girls, di Todd Strauss-Schulson: Tra realtà e illusione

The Final Girls, di Todd Strauss-Schulson: Tra realtà e illusione

recensioni

Con The Final Girls il regista Todd Strauss-Schulson ci propone un film horror ricco di suspense e di colpi di scena, in cui non mancano tocchi di originalità, spirito di innovazione e idee alternative partendo proprio da uno dei grandi tòpos del cinema horror: i celeberrimi campi estivi per ragazzi.

Facciamo subito la conoscenza della protagonista, Max (Taissa Farmiga), una ragazza molto timida e molto legata a sua madre Amanda (Malin Åkerman).  Purtroppo per lei, la vita le riserva una grossa batosta a cui il solo e unico modo per reagire sarà quello di provare a isolarsi e chiudersi nelle proprie amicizie.

Tre anni dopo la tragedia, la vita di Max scorre malinconica e tranquilla, almeno fino a quando la nostra protagonista deciderà di partecipare a un evento in particolare. Ed è da questo momento che il film comincia per davvero! In maniera alquanto casuale, e aggiungiamo surreale, Max e il suo gruppo di amici si ritroveranno catapultati e intrappolati in una realtà alternativa. Come fare dunque per uscirne? Il modo c’è, e i giovani interpreti del film si mettono subito all’opera per salvarsi.

The Final GirlsThe Final Girls utilizza volutamente, in modo potremmo dire sfacciato, le classiche ambientazioni e personaggi da teen horror ambientato in un campo estivo americano: ambiente bucolico, ragazze discinte, maniaco assassino.

Le innovazioni del regista però, vanno oltre il semplice apparato esteriore del film e puntano direttamente al cuore dei fan di questo genere cinematografico. Chi l’ha detto che un horror di adolescenti non possa essere DAVVERO pauroso, ricco di adrenalina e pieno di sentimenti profondi allo stesso tempo? È proprio il nostro caso, dove vengono enfatizzati i sentimenti di amicizia, che portano alla collaborazione e al rispetto reciproco, e soprattutto l’amore di una figlia per la propria madre. In contemporanea ci troviamo di fronte a teste mozzate, machete che squartano persone e ad un’atmosfera buia e paurosa, dove la fotografia gioca un ruolo d’effetto.

Con The Final Girls, Todd Strauss-Schulson riesce a far coesistere con coerenza e senza far venir meno l’adrenalina la forza delle emozioni umane e il clima intenso e terrificante che un classico lungometraggio tipico di questo genere è solito offrirci; dimostrando così che l’horror è un genere capace di rinnovare e rinnovarsi anche partendo dai suoi canoni più stereotipati. L’horror è vivo, e lotta i maniaci assassini assieme a noi!

Pierluigi Gugliotta

SCHEDA TECNICA

Titolo originale:  The Final Girls

Regia:  Todd Strauss-Schulson

Sceneggiatura:  M.A. Fortin, Joshua John Miller

Interpreti principali:  Taissa Farmiga, Malin Åkerman, Nina Dobrev, Alia Shwakat, Alexander Ludwig,  Thomas Middleditch

Produzione:  Michael London, Janice Williams

Origini: USA 2015

Pierluigi Gugliotta

Appassionato di cinema, libri, videogiochi, mitologie, viaggi e culture straniere, spera un giorno di diventare poliglotta e di fare il giro del mondo (magari a cavallo di un drago).

Post simili