Home » Posts tagged "Park Chan-wook"
Diario dal Far East Film Festival – 7° giorno – 27 aprile 2017

Diario dal Far East Film Festival – 7° giorno – 27 aprile 2017 »

28 Apr, 2017
Comments: 0

Diario dal Far East Film Festival 7° giorno – 27 aprile 2017

Si è dimostrata interessante anche la settima giornata del FEFF,

I’m a cyborg, but that’s ok, di Park Chan-wook: Dell’amore e altre follie

I’m a cyborg, but that’s ok, di Park Chan-wook: Dell’amore e altre follie »

20 Set, 2015
Comments: 0

Il regista sud coreano ci conduce in un mondo folle, distorto e coloratissimo, dove realtà e immaginazione si confondono per dare vita ad una storia dai tratti teneri e intensi.

Secretly, Greatly, di Jang Cheol-soo

Secretly, Greatly, di Jang Cheol-soo »

18 Giu, 2015
Comments: 0
 Se i nostri registi coreani preferiti girano una scena violenta, sarà una scena estremamente violenta. Una scena buffa sarà estremamente buffa, una scena triste sarà estremamente triste. In prossimità dei limiti di velocità imposti dal Filmabile e dal Sostenibile, gente come Kim Ki Duk, Park Chan Wook, Kim Ji Woon spinge sull'acceleratore invece che sul
Masochismo Formativo Coreano – La realtà dietro gli schermi II

Masochismo Formativo Coreano – La realtà dietro gli schermi II »

12 Mag, 2015
Comments: 0
Quello coreano è un sistema di istruzione paramilitare e fondato sulla competizione spietata, dicevamo. Una scuola che prepara a carriere durissime e guerre economiche senza limiti, in un sistema capitalistico tra i più estremi del mondo, dove se primeggi vuol dire che sei un Bad Guy. Un paese nel quale non sono poche le donne
Distribuzione Italiana vs Film Coreani – Chi vince, chi perde?

Distribuzione Italiana vs Film Coreani – Chi vince, chi perde? »

2 Mag, 2015
Comments: 0
Durante l’anno, specie nei giorni di pioggia, quando il tempo uggia e l’umore beccheggia, incappo in violentissimi attacchi di Corea. Arrivano improvvisi, tra una visione autarchica ed una proiezione indie, mi fanno perdere i sensi e i freni inibitori. Al risveglio mi trovo sovente nudo depilato e coperto di elettrodi, un martello in mano, brandelli